Corso su TECNICHE di INTEGRAZIONE di IMPIANTO

Qualunque APPLICAZIONE su qualsiasi SCHERMO nella TUA RETE. 

L’ambiente domestico è permeato da dispositivi collegati in rete, cablati ma, soprattutto, wireless che lavorano in campi o “domini” di applicazioni diversi: domotica, elettronica di consumo, terminali mobili e fissi di personal computing, TV digitali.
Per esempio, la rete di casa deve consentire l’utilizzo spontaneo e aperto per fare in modo che i dispositivi possano esser individuati, collegati e abilitati all’utilizzo delle applicazioni nel momento in cui entrano in contatto con la rete stessa.
Questa possibilità può essere realizzata manualmente oppure in modo automatizzato poiché il rilevamento viene fatto in modo autonomo dalla rete definita allora “aperta” e utile soprattutto per dispositivi portatili che possono spostarsi in aree diverse sotto la copertura della stessa rete o di reti diverse che utilizzano sistemi di comunicazione diversi

Il numero crescente e la diversità di dispositivi oggi presenti sul mercato, come in particolare sta succedendo in ambiente domestico, comporta il riconoscimento di servizi supportati in base al rilevamento dei diversi protocolli utilizzati per i vari servizi perché prodotti da fornitori diversi.

Le “tecniche di integrazione” devono prendere in considerazione sia la parte di rete passiva (cablaggi, derivazioni, partizioni, terminazioni e comunque apparati passivi in genere), sia la parte attiva di gestione dei collegamenti quindi degli apparati attivi ed infine le risorse hardware e software presenti a bordo dei dispositivi

Una volta definita la possibilità di interazione dei dispositivi e/o domini sarà necessario valutare il “livello di interoperabilità” possibile come per esempio la possibilità di adeguamento alle variazioni dinamiche dell’ambiente della rete.

Obiettivo della formazione

  • Individuare le esigenze del committente
  • Individuare le soluzioni integrate possibili
  • Proporre al cliente la soluzione integrata ottimale
  • Realizzare tale soluzione

Verificare e certificare il livello di integrazione e/o integrabilità ottenuto

Il nuovo orientamento professionale non vuole insegnare a fare impianti ma insegnare a “realizzare sistemi ad alto livello di interoperabilità”.
Tutto questo rivisitando le conoscenze tipiche della tradizionale impiantistica che coinvolge settorialmente ambiti quali:

  • Sistemi wired: reti IP, coassiale, bus, fibra ottica, power line, reti telefoniche
  • Sistemi wireless: reti  Wi-Fi,  Wi-Max, LTE, Bluetooth, Zigbee, Z-wave
  • Sistemi di sicurezza: Videosorveglianza, Anti-intrusione
  • Sistemi di home e building automation

Requisiti di ingresso

La formazione è rivolta ai tecnici installatori o progettisti che operano nella progettazione e realizzazione di impianti generici: impianto elettrico e/o domotica, antifurto, impianto TV. Video sorveglianza, piccole reti IP e Wi-Fi

Luogo e Durata della formazione:

Il corso si svolge nell’attrezzatissimo laboratorio di eCletticaLab ad Arezzo, ideato e realizzato dall’Ing. Fabrizio Bernacchi. ha una durata di 3 giorni (24 ore).

RICHIEDI SUBITO INFORMAZIONI SUL CORSO: CLICCA QUI

Iscriviti alla Newsletter

Follow Us!